martedì 29 settembre 2009

Sonno e Alzheimer

Uno studio pubblicato nella rivista "Science", condotto da ricercatori della Washington University di St. Louis (Usa), ha messo in evidenza il fatto che la mancanza di un corretto sonno notturno, che il dormire solo poche ore di notte , potrebbe avere effetti molto negativi sulla salute generale e, in particolare, su quella del cervello.
Lo studio ha messo in evidenza come la mancanza di sonno sia collegata alla malattia di Alzheimer.
Il test di micro dialisi eseguito sui topi ha permesso di scoprire che i livelli di amiloide extracellulare-beta nel cervello scendono significativamente durante il sonno e aumentano durante la veglia.
L'amiloide è una proteina che è stata associata alla malattia di Alzheimer.
Il dr. Dave Holtzman ha scoperto che le dinamiche del beta amiloide confidano sull'ormone orexina e la forzatura degli animali a restare svegli o dormire influisce sui livelli della proteina: aumenta o diminuisce la presenza di placca beta amiloide.
In uno studio precedente, Holtzman aveva dimostrato che l'attività sinaptica innescava il rilascio del beta amiloide, suggerendo che i topi di questo ultimo studio, privati del sonno, hanno prodotto più placca beta amiloide perché il loro cervello è stato sollecitato più del normale.
Anche se è formalmente difficile rapportare i risultati della ricerca all'uomo, un precedente studio pubblicato sulla rivista scientifica "Neuron" pare avesse dato sostegno a questa tesi

4 commenti:

marbe ha detto...

Ciao Erica, post interessante.. tenuto conto che sono una "notturna" e che ho la "dimenticanza acuta" penso sia proprio il caso di imparare ad andare a letto in orari più.. civili
Anche se non commento passo sempre a leggerti.
Un abbraccio e continua così,
ernesta

ericablogger ha detto...

ciao ernesta, ben tornata; cominciavo a preoccuparmi del tuo silenzio!
io adoro dormire a lungo...ma con il ritorno al lavoro, mi devo alzare presto quasi tutte le mattine e allora vado a nanna abbastanza presto per non rinunciare ad almeno 7- 8 ore di sonno!
un abbraccio erica

Anonimo ha detto...

Gentile signora Erica,
vorrei chiedere come possa una famiglia fare fronte al problema di insonnia di un singolo individuo malato di Alzheimer,mio suocero soffre di questa malattia ma anche con i diversi trattamentiterapeutici, non riusciamo a calmarlo durante la notte, non dorme, "lavora" sempre e trema. come possiamo aiutarlo ad avere un sonno più tranquillo e adeguato?
se vuole rispondermi il mio indirizzo e-mail: ceruttilaura1983@libero.it

ericablogger ha detto...

gentile signora leggo solo ora il suo commento
mi spiace molto ma io non sono un medico e non posso darle alcun consiglio come lei vorrebbe
ho pubblicato questo post che avevo letto perchè mi era sembreto molto interessante